Sketch tratto da “Vai avanti tu che mi viene da ridere”(1982), con Lino Banfi e Agostina Belli.

Quella di “Vai avanti tu che mi viene da ridere” è una bella commedia all’italiana degli anni ’80, contaminata qua e là dal giallo poliziesco e da momenti da commedia degli equivoci. Certo lo spunto di partenza è particolarmente surreale, e sembra davvero difficile, o da tontoloni, non accorgersi che Agostina Belli è una donna a tutti gli effetti. Nel film viene creduta da tutti, compreso dal commissario Banfi, un travestito, ma è come non accorgersi che SuperPippo è Pippo con il pigiama. A parte questo, l’accoppiata composta da Lino Banfi ed Agostina Belli diverte e convince. Un film che è un mix di contaminazioni di genere: da commedia all’italiana, diventa una commedia gialla, un thriller, per poi percorrere la strada della tenera commedia romantica, con i due protagonisti che alla fine si innamorano l’un l’altro. Lino Banfi è particolarmente scatenato, con i suoi classici giochi di parole, i suoi tormentoni e le sue battute ad effetto. Lui è un commissario di polizia particolarmente pasticcione, che deve difendere una testimone di giustizia, che tutti credono un travestito, ma in realtà è una bellissima ragazza. La proteggerà contro tutte le disavventure che capiteranno ai due, e nel lieto fine si dichiareranno il loro amore. Un film lontano anni luce dalla commedia pecoreccia e scollata in voga nei tardi anni ’70. Daltronde siamo nel periodo in cui Lino Banfi ha decisamente virato verso la commedia all’italiana, dunque perfettamente in linea con la svolta che ha voluto dare alla sua carriera. Un film che si fa apprezzare, senza dubbio, da vedere in spensieratezza. E poi che bella Agostina Belli. Chapeau!!!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...