Sketch tratto da “Il tallone di Achille”(1952), con Tino Scotti e Paolo Stoppa

“Il tallone di Achille”(1952), nonostante un clamoroso flop nelle sale all’epoca, è uno dei film più interessanti e più riusciti di Tino Scotti, anche da un punto di vista critico. Scritto e diretto da Mario Amendola e Ruggero Maccari, il film ha un ritmo vivace e un protagonista dalla verve eccezionale come Tino Scotti (forse esageratamente sopra le righe per il cinema: quasi sempre più fumettistico che realista, e questo è un pregio), circondato da una selva di volti tutti degni di nota: dal co-protagonista Paolo Stoppa a caratteristi sempre affidabili del calibro di Aroldo Tieri, Marisa Merlini, Luigi Pavese e con la comparsata del pugile Primo Carnera nei panni di sè stesso. Una storia comica, leggera e a tratti surreale, terreno migliore per sbrigliare il brioso Scotti, perfettamente a suo agio nei panni di un cavaliere sgangherato, personaggio tipico del suo repertorio. Il suo film più bizzarro e forse più divertente. Da vedere in spensieratezza.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...