Sketch tratto da “Pane, amore e Andalusia”(1958), con V. De Sica, P.De Filippo e C.Dominguez

“Pane, amore e Andalusia”(1958) è l’ultimo, non deprecabile, capitolo delle avventure del maresciallo dei Carabinieri, cominciate 5 anni prima con il leggendario “Pane, amore e fantasia”. A tenere le redini del tutto c’è ovviamente il grande Vittorio De Sica, che oltre ad esserne il protagonista, è anche co-produttore e supervisore alla regia. Il film, rientra nell’ambito di una co-produzione italo-spagnola, ed ecco spiegato l’esotismo dell’Andalusia, del titolo. Gli incassi, anche se in calo rimangono elevati, quel che non cala, invece, è la verve comica di Vittorio De Sica, nei panni del suo personaggio più famoso, coadiuvato con simpatia e onesto mestiere dall’altrettanto grande Peppino De Filippo. In pratica, con “Pane, amore e Andalusia”, la provincia italiana si trasferisce all’estero, con l’utilizzazione di un regista di secondo piano, Javier Setò, ma supervisionato dal solito De Sica, che si occupò anche del commento musicale. Realizzato dopo il fallimento del progetto di un “Pane, amore e nostalgia”, che sarebbe stato girato nel 1956, il carrozzone dei “Pane e amore”, ritrova la luce grazie agli allestimenti finanziari della co-produzione, che trasferisce in Andalusia, le avventure della fortunata serie. Dopo una premessa a Sorrento, si giunge in Spagna, a Siviglia, dove ci sono tante belle donne e tanti luoghi comuni; ma della formazione storica non resta ormai quasi nessuno, per la verità soltanto Lea Padovani e Mario Carotenuto, reduci dal precedente capitolo. Si pensa dunque di affiancare a De Sica, il collega e amico Peppino De Filippo, l’unico attore italiano che sia sempre stato in grado di fare di due attori una coppia. E il film, anche se un pò ripetitivo, rende alla perfezione, con il solito De Sica, che in Andalusia si dedica molto più alle belle donne che alla buona musica. Una pellicola immeritatamente poco conosciuta, perché offuscata dai tre precedenti capitoli, ma che merita ben più di un occhio, per la qualità e il talento degli attori, oltre che per i bei paesaggi da cartolina, di una terra, l’Andalusia, non poi troppo lontana.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...