Marcello Mastroianni: icona di stile e di eleganza

marcello mastroianni foto 1
Marcello Mastroianni, icona di stile ed eleganza tutta italiana, è il simbolo stesso dell’italianità, non solo perché ha raccontato il paese attraverso quei personaggi che, con piglio camaleontico, ha interpretato, ma perché il suo fascino, unitamente a quello dei suoi grandi capolavori, ha sedotto il mondo, dagli Usa alla Francia.

“Ringrazio Marcello Mastroianni che con Otto e mezzo mi ha insegnato che si può volere dire la verità senza sapere cosa sia”, così disse il regista Nikita Michalkov ricevendo l’Oscar nel 1994, in effetti quell’espressione malinconica, quasi distante dalla realtà, ha contribuito non poco a scolpire nell’immaginario collettivo il mito del grande attore italiano. Marcello Mastroianni in effetti è il simbolo stesso dell’italianità, non solo perché ha raccontato il paese attraverso quei personaggi che, con piglio camaleontico, ha interpretato, ma perché il suo fascino, unitamente a quello dei suoi grandi capolavori, ha sedotto il mondo. Fu considerato, suo malgrado, un sex symbol, non a caso ebbe una breve relazione con la divina Silvana Mangano e una lunga storia con Catherine Deneuve (dalla quale nacque la figlia Chiara), ma sul grande schermo tutti lo ricordano infatuato come un adolescente di fronte ad Anita Ekberg che lo invita a tuffarsi nella Fontana di Trevi e partner di Sophia Loren in tantissime pellicole. Di proverbiale eleganza, i suoi personaggi restano un punto di riferimento costante nella moda e per i marchi che celebrano la tradizione sartoriale italiana. Indimenticabili l’abito scuro a due bottoni indossato con camicia bianca e cravatta sottile nera (trend tornato in voga da diversi anni) e l’abito bianco del finale de “La dolce vita” indossato con camicia nera. Di mezzo la vestaglia da camera di seta e gli storici occhiali Persol 649 di “Divorzio all’italiana”, l’abito gessato a tre pezzi e i guanti da automobilista di “Matrimonio all’italiana”, l’irrinunciabile cappello (modello Borsalino)che conferisce sempre un’aria distinta durante la bella stagione. Pochi uomini al mondo sono in grado di indossare un frac blu, come quello confezionato dalla storica sartoria Farani di Roma per “Intervista”, perchè in fondo l’eleganza non è mai solo un abito, ma è un modo di fare disinvolto e mai artificioso.

marcello mastroianni foto 2
Mastroianni sul set in total look bianco di lino: icona di stile. Siamo tra gli anni ’60 e gli anni ’70.
marcello mastroianni foto 3
In una pausa sul set del film “Otto e mezzo”(1963), diretto da Federico Fellini.
marcello mastroianni foto 4
Sornione, pigro, sempre elegante e sorridente: il talento della semplicità del grande Marcello.
marcello mastroianni foto 5
Con Sophia Loren, sul set del film “I girasoli”(1970), diretto da Vittorio De Sica.
marcello mastroianni foto 6
Il leggendario barone Fefè del film “Divorzio all’italiana”(1961), con la vestaglia da camera in seta, icona di stile, di eleganza e di fascino.
marcello mastroianni foto 7
Con Raquel Weltch compagna di set in “Spara forte…più forte…non capisco”(1966), di Eduardo De Filippo. Si vocifera che ci fu una fugace storia d’amore, tra la bella attrice americana e il sex symbol nostrano.
marcello mastroianni foto 8
Mastroianni tra Jester Naefe e Isabelle Corey a fine anni ’50.
marcello mastroianni foto 9
La vasca di “Otto e mezzo”: scena epica felliniana.
marcello mastroianni foto 10
Con Monica Vitti nel 1970, durante la presentazione del film “Dramma della gelosia- tutti i particolari in cronaca” alla XXIII edizione del festival di Cannes. In questa occasione Marcello vincerà la Palma d’oro come miglior interprete maschile.
marcello mastroianni foto 11
La scena cult de “La Dolce Vita”, con Marcello Mastroianni e Anita Ekberg: “Marcello come here”.

Marcello Mastroianni tra donne e trench. Roma e Parigi. Città dove l’attore fa ritorno durante la malattia che lo porta via per sempre, persino dalla Città Eterna, il 19 dicembre del 1996 a 72 anni. Quella voce nasale che ritorna nelle orecchie di chiunque stia leggendo la sua biografia. Quella voce che Marcello Mastroianni ha diffuso nel mondo, spesso nei dialoghi che rendono la coppia Marcello Mastroianni e Sophia Loren una certezza di sentimenti. E botteghino. Amante seriale, renderà Sophia Loren la sua collega spirituale, ma solo sul set: ritratti dell’Italia in “Ieri, oggi e domani”, “Matrimonio all’italiana” fino alla Russia de “I Girasoli” (entrambi quasi irriconoscibili nel dramma di De Sica). Cresciuto tra le colline di Frosinone non sente il richiamo delle colline di Hollywood: ma laggiù lo amano. Quasi quanto oltralpe dove ha come antagonisti di set belli e impossibili come Alain Delon e dove sul piatto di un duello estetico anche l’altezza di Marcello Mastroianni viene passata in rassegna (1,76 centimetri). Ma nonostante tutto e tutti, a Parigi Marcello Mastroianni conquista una Catherine Deneuve che sarà sua croce e delizia, una figlia, Chiara Mastroianni attaccatissima al padre e la foto che fa il giro del mondo del divo Mastroianni in trench e occhialoni neri che tiene per mano la piccola Chiara tra le strade di Parigi. Foto che fa a cazzotti con l’immagine di cattivo cattolico nell’Italia anni ’60 che non vede di buon occhio il suo principale divo di Cinecittà che tradisce in prima pagina la prima moglie, Flora Carabella (da cui ha avuto la primogenita Barbara). La tradisce e non divorzierà mai da lei – sposata quando era 26enne – neppure quando conosce Faye Dunaway con la quale gira “Amanti” di Vittorio De Sica in un inglese impeccabile. Impeccabile è anche il suo modo di mordere i collant di Sophia Loren nello spogliarello più famoso del cinema in “Ieri, oggi e domani”. Un ululato, quello di Mastroianni, che cambia il cinema: altro che dialoghi serrati, “basta” un riverbero animale e sinistro quanto basta per scuotere i buoni costumi dell’Italia democristiana (il film è del 1963 e Mastroianni ha un’amante in un’altra città). Marcello Mastroianni è Federico Fellini: alter ego sullo schermo del più importante regista visionario, provocatorio e maschilista (apparentemente tale) del cinema moderno. Quell’ “8 e 1/2” faraonico con il finale all’alba di una ballata verso la fine di un tramonto artistico (non per Mastroianni) consegnano a Marcello le chiavi dell’eternità. Città eterna che Marcello Mastroianni aveva conosciuto già nel 1960: “Marcello come here” urlato da Anita Ekberg dalla fontana di Trevi de “La dolce vita” (da cui nasce anche il modo di chiamare così la maglia a collo alto). Motto cinematografico che corrisponde alla frase-cliché di “Je suis Catherine Deneuve”. Classici del parlato comune che inchiodano il cinema nelle nostre vite. E ironia della sorte sono proprio Marcello Mastroianni e Catherine Deneuve a raccontare l’amore moderno sull’asse Parigi-Roma. Mastroianni è ancora sposato ma la relazione con Catherine dura quattro anni. Pochi ma sufficienti per metterli al centro della mondanità (e di un’ironia della stampa benpensante visto che si conoscono sul set del film “La Cagna” commedia di Marco Ferreri con loro sperduti su un’isola deserta). Per visionare attentamente la filmografia di Marcello Mastroianni non basta una vita: 147 film in 58 anni. Carriera infinita costellata da registi incredibili che tra le mani hanno una delle figure più poliedriche del cinema. Difficile da odiare perché così incapace di essere sempre e solo il reporter gossipparo de “La Dolce vita” o il volto di gomma de “Il Bell’Antonio”. Lui no, conduce con mano sicura una giovanissima Monica Vitti ne “La Notte” (in una Milano spettrale), è lui il ladruncolo de “I soliti ignoti” (e quell’Ostia che fa venire le lacrime), è lui che corre tra le masserie del sud Italia in “Casanova ’70”. Ed è lui l’attore italiano più premiato sia all’estero che in Italia. I suoi numeri sono da capogiro: 3 nominations all’Oscar, 2 Golden Globe, 2 Premi BAFTA, 8 David di Donatello, 8 Nastri d’argento e 5 Globi d’oro.

marcello mastroianni foto 12
Con Gina Lollobrigida a una première.
marcello mastroianni foto 13
Con la figlia Chiara tra le strade di Parigi, avuta dalla relazione con l’attrice francese Catherine Deneuve. Chiara Mastroianni è nata nel 1972 e qui è in giro con il papà Marcello, nel 1976 a soli 4 anni.
marcello mastroianni foto 14
Con Philippe Noiret e Ugo Tognazzi compagni ne “La grande abbuffata”(1973), di Marco Ferreri. Qui in una pausa sul set, nel bagno della villa di Parigi dove è stata girata la pellicola, che fece scandalo, ma che è ritenuta tra i capolavori del cinema mondiale.
marcello mastroianni foto 15
Con Anita Ekberg, simbolo di un film epocale e di una coppia cinematografica. “La Dolce Vita” è l’icona del cinema italiano del boom economico e il film più rappresentativo dell’epoca.
marcello mastroianni foto 16
Federico Fellini e Marcello Mastroianni, il loro è stato un sodalizio artistico che ha prodotto capolavori assoluti dell’arte cinematografica: La Dolce Vita, Otto e mezzo, La città delle donne, Ginger e Fred…
marcello mastroianni foto 17
Con Federico Fellini e Anita Ekberg alla prima de “La dolce vita”(1960).
marcello mastroianni foto 18
Con Catherine Deneuve sul set de “La cagna” (1971) quando ha inizio la storia d’amore che durerà per quattro anni, fino al 1975. Dalla loro unione, nel 1972, nascerà l’adorata figlia Chiara.
marcello mastroianni foto 19
Con l’amica e partner di set Sophia Loren, forse il più lungo sodalizio della storia del cinema italiano.
marcello mastroianni foto 20
La scena finale de “La dolce vita” con il ritratto di gruppo sulla spiaggia all’alba.
marcello mastroianni foto 21
Ancora con Catherine Deneuve, sua compagna di vita per quattro anni, sul set del grottesco e bizzarro film “Niente di grave, suo marito è incinto”, del 1972.

Domenico Palattella

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...