Il trailer del film “Mi rifaccio il trullo”(2016): la Puglia semplice e genuina di Uccio De Santis.

L’opera seconda di Uccio De Santis, una vera e propria istituzione qui in Puglia, per la regia del suo fedele autore Vito Cea, è intitolata “Mi rifaccio il trullo”. Un film semplice, spensierato e leggero, ma che non si ferma ad una comicità fine a se stessa. Nella denuncia sociale del furto dei trulli, sempre più frequente, o quello degli ulivi monumentali e dei muretti a secco, sottratti da ignoti, specie nel Salento, per essere utilizzati in alcune ville private del nord, si avvertono chiari e limpidi sentori da commedia all’italiana. Come anche nell’insieme delle caratterizzazioni del microcosmo favolistico di questo paese immaginario, Canneto, che potrebbe essere uno qualsiasi degli stupendi paesi della Valle d’Itria. Tutte queste caratterizzazioni, cementate da anni di collaborazione in comune, sembrano quasi delle figurine tratte dalle commedie rurali, di Comencini o di Risi, che rappresentavano il microcosmo italiano di provincia degli anni ’50: il prete, il maresciallo, la levatrice, intorno cui ruotava la storia nel suo insieme. E questa non è altro che la storia di una provincia italiana, di una regione, la Puglia, salita negli ultimi anni alla ribalta, tanto nell’arte cinematografica, quanto nel settore turistico. La Puglia descritta da Uccio, è una Puglia sana, genuina, ancora rurale nella sua mentalità, ancora ancorata alle tradizioni e ai costumi del passato, perciò in grado di emozionare e di arrivare dritta al cuore. Un film che rimane, senza dubbio, da vedere e da apprezzare soprattutto per un dato, di grande valore e importanza, negli abulici tempi attuali: “Mi rifaccio il trullo” è un film scevro da qualsiasi volgarità o da qualsiasi parolaccia, e questo rafforza ancora di più il legame con tanto cinema italiano rurale della metà degli anni ’50. Un ritorno, davvero è il caso di dirlo, allo stile e alla leggiadria degli anni d’oro del nostro cinema.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...